Sent. n. 90 del 22/3/2005 Comm. trib. prov. di Macerata, Sez. III

Sent. n. 90 del 22 marzo 2005 (ud. del 22 ottobre 2004)della Comm. trib. prov. di Macerata, Sez. III

Massima – L’accertamento induttivo della capacità contributiva mediante l’applicazione degli studi di settore non esime l’Amministrazione finanziaria dall’assolvere all’onere probatorio sulla sussistenza di tutti gli elementi di fatto e di diritto atti a conferire gravità, precisione e concordanza alle risultanze presuntive degli studi di settore essendo ormai pacifico in giurisprudenza il principio secondo il quale costituisce obbligo dell’ufficio tener conto dell’effettiva situazione personale del contribuente accertato nonché della realtà economica nella quale questi opera.

Img Credit mr_t_in_dc