Sent. n. 385 18/12/2006 Comm. trib. prov. di Bologna, Sez. XII

Sent. n. 385 del 18 dicembre 2006 (ud. del 27 novembre 2006) della Comm. trib. prov. di Bologna, Sez. XII

Massime – Gli studi di settore non possono essere considerati, di per sé soli, decisivi ai fini dell’accertamento di un maggior reddito, occorrendo ulteriori elementi desumibili dalla specifica situazione del contribuente.

Questi ulteriori elementi possono consistere nel contraddittorio correttamente instaurato dall’Agenzia con il contribuente che abbia omesso di produrre la documentazione contabile richiesta dall’ufficio (nel caso di specie il contribuente non si era neppure presentato all’appuntamento fissato dall’ufficio assumendo di essere ammalato, ma senza documentare tale stato patologico).

Poiché gli studi di settore sono basati su calcoli presuntivi possono costituire la base di partenza per un accertamento dei redditi ma non giustificano l’applicazione di sanzioni, poiché in materia sanzionatoria amministrativa sono applicabili i principi propri dell’illecito penale.