Sent. n. 17229 28/7/2006 Corte Cass, Sez. tributaria

Sent. n. 17229 del 28 luglio 2006 (ud. del 9 febbraio 2006) della Corte Cass., Sez. tributaria

Massima – In tema di accertamenti tributari, gli studi di settore, di cui all’ art 62-bis del D.L. n. 331 del 1993, convertito nella L. n. 427 del 1993, costituiscono atti amministrativi generali di organizzazione che non sono sufficienti a realizzare l’accertamento di un rapporto giuridico tributario. Infatti, perché si pervenga a tale risultato occorre il completamento dell’attività istruttoria amministrativa, nel rispetto del principio generale del giusto procedimento, consentendo al contribuente, che voglia vincere la presunzione posta dagli studi di settore, ai sensi dell’art. 12, comma 7, della L. n. 212 del 2000, di intervenire già in sede procedimentale amministrativa, prima di adire il giudice tributario.

In applicazione di tale principio la Corte ha respinto il ricorso dell’Amministrazione finanziaria che chiedeva la riforma della sentenza di merito, atteso che tra l’ufficio ed il contribuente non si era svolto alcun contraddittorio.

Img Credit mr_t_in_dc