Cassazione n. 10491 del 23 aprile 2008 (ud. del 5 febbraio 2008)

L’applicazione dello strumento del redditometro non pone problemi circa la natura o meno retroattiva delle relative disposizioni ed esonera l’Amministrazione finanziaria dalla prova circa la sussistenza dei fatti ritenuti indici di maggiore capacità contributiva rimanendo a carico del contribuente l’onere della prova della reale entità del reddito presuntivamente attribuitogli.

Foto Credit: EvelynGiggles